Borghi e Castelli di Piemonte e Liguria in Moto Deutsch
Sei qui: homepage Savona Da Finale Ligure a Calizzano
PDF  Stampa  E-mail 

Itinerario 5Da Finale Ligure a Calizzano

panorama

Dal mare a fresche sorgenti: un piacevole valico porta alla scoperta di boschi e prati fioriti

Il territorio compreso tra il promontorio di Capo Noli e quello di Caprazoppa e, nell'immediato entroterra, l’altopiano delle Manie e la val Ponci, costituisce un’area senza eguali in Liguria. Le Manie sono un altopiano carsico ricco di grotte e coperto di vegetazione mediterranea. Piacevoli sentieri e pareti alte e scoscese permettono di scoprire ponti romani e borghi contadini tra vigneti e fasce coltivate.

Sono tre i nuclei che costituiscono l’unica città di Finale Ligure: Finalpia sul mare attorno all'abbazia benedettina di Santa Maria di Pia, Finalmarina con la sua splendida passeggiata ombreggiata da palme e Finalborgo, inserito tra i Borghi più Belli d'Italia. Quest'ultimo, fondato alla fine del 1100 dai Del Carretto, mostra l'antico splendore di capitale del marchesato con le sue mura, i palazzi eleganti, la chiesa e il complesso monumentale di Santa Caterina.

Il forte di Castelfranco a Finalmarina si trova in posizione strategica appena sopra il centro abitato in modo da dominare la costa dalla Caprazoppa sino a Capo San Donato. La struttura originaria fu realizzata da Genova nel XIV secolo, ma ha subito numerose modifiche nel corso dei secoli, soprattutto durante il dominio spagnolo. Ora è proprietà del Comune e viene utilizzato per manifestazioni ed esposizioni.

Da Finalborgo parte la Strada Berretta, aperta nel 1666 ed utilizzata per collegare Finale con Milano. Seguendo l’antico tracciato si incontrano, in posizione sopraelevata, Castel San Giovanni, di impianto medievale con rifacimenti spagnoli e i ruderi di Castel Gavone, edificio militare e residenziale che, con la sua architettura in stile lombardo, testimonia i legami fra i Del Carretto e gli Sforza. Quasi intatta svetta la Torre del Diamante, così chiamata per il rivestimento bugnato a pietre squadrate.

Da Finalborgo si sale attraverso una vasta area ad alto fusto verso il Colle del Melogno, a 1028 metri sul livello del mare, dove si trova un complesso di fortificazioni. Il luogo venne scelto intorno al 1885 come sbarramento strategico contro eventuali invasioni francesi dal mare. Il Forte Centrale è la struttura in corrispondenza del valico; tramite sentieri si possono raggiungere gli altri due forti del complesso. Proseguendo lungo la strada provinciale si attraversa la foresta della Barbottina, una pregevole faggeta di 244 ettari che si sviluppa attorno al torrente omonimo. Si raggiunge Calizzano, meta di villeggiatura estiva ad un'altitudine di circa 650 metri, che offre sentieri in una natura incontaminata e ben 13 sorgenti. Rinomata è l'acqua di Calizzano, imbottigliata e venduta in tutto il Nord Italia. La tradizione culinaria dell'Alta Val Bormida rispecchia la posizione geografica a cavallo tra Liguria e Piemonte. I funghi, soprattutto i rinomati porcini, sono protagonisti del territorio. Da assaggiare la castagna essicata nei tecci di Calizzano e Murialdo, un Presidio Slow Food usato come ingrediente biscotti, creme e gelati.