Borghi e Castelli di Piemonte e Liguria in Moto Deutsch
Sei qui: homepage La Spezia Da Sarzana a Fivizzano, dal mare alle Apuane
PDF  Stampa  E-mail 

Itinerario 18Da Sarzana a Fivizzano, dal mare alle Apuane

panorama

Un percorso perfetto per gli amanti delle curve.

E seguendo l'asfalto si raggiugnono borghi e castelli da riscoprire.

L'itinerario parte dall'antica cittadina di Sarzana, un gioiello di storia e cultura incastonato sulla riva sinistra del fiume Magra, che merita di essere visitato con attenzione. Il centro storico custodisce testimonianze di un passato glorioso: l'imponente cattedrale di Santa Maria si staglia orgogliosamente con la facciata splendente di marmo bianco, mentre poco più in là giace paziente la fortezza Firmafede, voluta nel 1487 da Lorenzo il Magnifico. Visitato il centro, si può rimontare in sella alla volta di Castelnuovo Magra, ma non bisogna avere fretta di mettere i chilometri dietro le ruote: il bivio per la fortezza di Sarzanello ci aspetta prima ancora di aver lasciato il centro abitato di Sarzana. La strada sale sicura e, dopo un breve tratto di pavé, ci porta al cospetto dell'edificio simbolo della storia sarzanese.

Ritornati sulla strada statale riprendiamo il cammino verso Castelnuovo, classico borgo arroccato su un'altura, intorno al castello del signore locale. L'asfalto è un susseguirsi continuo di curve che si snodano tra gli uliveti e i campi coltivati, e infine si giunge al paese, fulgido esempio di architettura medioevale. Oltre a soffermarsi sui principali monumenti, vi consigliamo una sosta presso l'Enoteca pubblica della Liguria e della Lunigiana dove troverete i migliori vini della zona, primo fra tutti il vermentino dei Colli di Luni D.o.c.. Dopo aver gustato, e smaltito, un paio di bicchieri di vino, si abbandona Castelnuovo, seguendo le indicazioni per Vallecchia che ci indicano una splendida stradina accompagnata da pini. Saliti alla frazione si evita l'ingresso nel centro abitato e si svolta a sinistra, in direzione di Fivizzano. Lungo l'ascesa potrete scorgere un raro bosco spontaneo di cipressi e le arnie di alcuni apicoltori, il tutto immerso in grandi castagneti e rovereti che in alcuni tratti sembrano voler soffocare la strada. All'improvviso la strada raggiunge la sommità dell'altura e forma un bivio con l'asfaltata che conduce da Fivizzano a Carrara. Il panorama delle Apuane, in questo punto, è affascinante: la luce del sole disegna ombre nette che si diffondono sui sassi pallidi della montagna e creano un'incredibile effetto di tridimensionalità. Ma non vi distraete, e girate a sinistra: dopo pochi chilometri vi si spalancherà la vista sul paese di Fosdinovo, dominato dalla figura del castello Malaspina e del campanile della chiesa di San Remigio.

Lasciato Fosdinovo ci si addentra nel Parco naturale delle Alpi Apuane dove l'ambiente circostante, in tutto e per tutto di tipo montano, ci fa dimenticare che pochi tornanti prima a riempire il nostro sguardo c'era il mare. La strada disegna innumerevoli curve, secche, lunghe, scoscese e panoramiche, ce ne sono di tutti i tipi: la discesa verso Fivizzano è un divertimento continuo, una piega dietro l'altra. Quasi quasi viene voglia di ripartire subito e fare il percorso a ritroso.